Archive for dicembre, 2010


Dr. Wayne W. Dyer  the Shift  il  Cambiamento

Il dr. Wayne W.Dyer, è autore e speaker nel campo della crescita personale, riconosciuto a livello internazionale. L a sua carriera inizia come professore di storia alla St. John University di New York; si è poi specializzato on un dottorato  in Counseling formativo e ha iniziato il suo percosro di crescita personale coinvolgendo e influenzando tutte le persone che lo hanno seguito e che hanno partecipato ai suoi corsi.

Dyer durante l’infanzia ha vissuto in diverse case-famiglia e orfanotrofi, ma il suo pensiero positivo e la sua fiducia nella Forza Ordinatrice dell’Universo hanno soffuso di una luce dolce anche i ricordi più dolorosi di quel periodo. Della sua vocazione ad aiutare gli altri infatti racconta:

” Quando vivevo nell’orfanotrofio, più o meno tra i due e i dieci anni, sentivo quasi di essere predestinato, sentivo di avere uno scopo alimentato da una segreta conversazione con Dio che  di tanto  in tanto mi chiedeva, “Wayne, cosa vuoi fare in questo tuo viaggio?”, e io gli rispondevo, “Voglio insegnare alle persone ad avere fiducia in se stesse.” Perchè questa è la cosa che ho sempre insegnato, fin da piccolo, quando ero a scuola o quando giocavo con i miei amici. Se qualcuno era turbato da quello che un altro gli aveva detto io mi avvicinavoe gli dicevo, “Cosa te ne importa di quello che gli altri pensano di te? Perchè gli dai questo potere su di te?” E Dio quella volta mi chiese, “Sei sicuro di voler insegnare alle persone ad avere fiducia in sè?”. Io gli risposi di si e allora lui continuò, “Bene, allora passerai un pò di tempo in un orfanotrofio così per prima cosa imparerai ad avere fiducia in te stesso, niente e nessuno potrà dussuaderti o portartela via.” Ed è con  questa prospettiva che considero tutta la mia vita, compresa l’ esperienza dell’orfanotrofio.”

Nonostante abbia trascorso molti anni nell’orfanotrofio senza una famiglia stabile, Wayne Dyer è riuscito a compiere un percorso di crescita che lo ha portato a diventare per gli altri una sorta di “Padre Motivazionale”: Dyer ha realizzato e continua a realizzare i propri sogni e progetti e condivide con i suoi lettori e ascoltatori i segreti e gli insegnamenti per fare altrettanto.

The Shift – Il Cambiamento

Il Cambiamento, il dr. Dyer svela e illustra i capisaldi del suo pensiero ricco di spiritualità. Esporando il viaggio spirituale che ci conduce dall’ambizione al senso pieno della vita. La svolta interiore che ci libera dai costruttori egoistici che ci sono stati inculcati in tenera età dalla famiglia e dalla società è la prova che il nostro vero io non ha bisogno di queste finzioni, di queste gabbie mentali, ma aspira per sua natura a una dimensione superiore, dove può finalmente ritrovare la pace e il senso che gli spettano. Continua a leggere

Annunci

Iside e l’Albero della Vita: riflessioni sull’allineamento galattico e sulla via del ritorno della Qabbala (Parte 2)

 

Unben-et ah der senekh

Io nasco come luce che respinge le tenebre

 

L’immagine con cui abbiamo chiuso il precedente post, quella dei kelipoth che secondo la tradizione qabbalistica oscurarono la luce e la saggezza della sorgente primordiale, ha un perfetto parallelismo nel concetto indotibetano dei klesha, che sono all’origine della sofferenza umana. I klesha, contaminazioni emotive o “veleni”, ci tengono legati al ciclo infinito di morte e rinascita. Come nuvole tempestose che turbinano nel cielo oscurando la radiosa luce del sole, i klesha dell’ignoranza/illusione, rabbia/aggressività, desiderio/attaccamento, orgoglio/arroganza e invidia/gelosia oscurano l’innata luminosità della mente. Per raggiungere l’illuminazione occorre ripulire la mente da queste contaminazioni, trasformandole nelle qualità illuminate dello spazio, della chiarezza, del discernimento, dell’equanimità e della “saggezza che comprende tutte le cose”. Attraverso questo processo trasformatore il velo si solleva e ci troviamo faccia a faccia con la nostra vera natura. Continua a leggere

Iside e l’Albero della Vita: riflessioni sull’allineamento galattico e sulla via del ritorno della Qabbala (Parte 1)

 

Auset, nehas em her ab un

Iside, risvegliati nei nostri cuori

 

A-un akh-akh- ar-et pafi [e]mtun ami ari Kheperu ar Hru

Apri la camera delle stelle per guidare la nostra trasformazione in Horus

 

La figura in alto riporta una bellissima preghiera del papiro di Ani in cui gli adepti supplicano Iside, madre universale e depositaria dei sacri misteri, di risvegliarsi nel loro cuore e di aprire la camera delle stelle. Da una prospettiva simbolica la camera delle stelle, o trono di Iside, è la Via Lattea e il centro galattico. A un altro livello corrisponde alla ghiandola pineale e all’occhio della gnosi (la conoscenza diretta) dell’alchimia taoista (scopri il ruolo che ha la ghiandola pineale nell’evoluzione umana). Nella tradizione tantrica indo-tibetana è il terzo occhio, l’occhio della saggezza o della dakini. E’ l’occhio interiore segreto che vede durante i sogni e le visioni, che vede al di là dei veli della realtà materiale. Continua a leggere

di Alessandro De Angelis

Questa è la descrizione dell’esperienza di una persona comune che a distanza di trenta anni da ciò che accadde ha ancora dentro la mente un sola domanda che lo tormenta: perché?! Perché ho potuto o mi è stato permesso di vedere e vivere quest’episodio che ha sconvolto la mia vita, nonostante i continui processi mediativi che ho con essa, cercando molte volte di poterla rimuovere o sotterrare per non cadere in conflittualità con una vita normale, e soprattutto è giusto portarmela nella tomba solo per me senza trasmetterla ad altri?

In realtà quello che mi ha frenato è il pensiero per la spiacevolezza di essere preso per visionario, bugiardo, megalomane, pazzo o quant’altro di degradante ci possa essere, ma al di là del personale, che si risolve con l’anonimato, mi ha frenato anche la non credibilità al fatto che io abbia vissuto questa esperienza senza poter portare nessuna prova empirica e concreta di ciò che vi narrerò. Ma alla fine ho superato questa barriera convincendomi del fatto che crederci o no sia marginale, rispetto alle nuove aperture e riflessioni mentali che essa vi susciterà, a patto che leggiate senza preclusioni, preconcetti o paure di sorta che inevitabilmente vi attanaglieranno per gli argomenti trattati.

Vorrei partire subito con il racconto di quel che mi successe all’età di diciassette anni, quando ancora ero un “ragazzo normale”, di ceto medio, studente alle scuole superiori, intellettualmente ed emotivamente nella norma come tanti di voi. A quell’età al di là dei giochi e delle amicizie normali con i miei coetanei non è che avessi molti hobby a parte una “fissa” che mi era venuta e cioè l’apnea. L’apnea consiste nel trattenere il respiro il più a lungo possibile dopo aver adeguatamente ventilato i polmoni, al fine di immagazzinare negli alveoli la maggior quantità di aria e quindi di ossigeno per poi vedere quanti secondi riuscivo a trattenere il fiato e successivamente, volta dopo volta, cercare di resistere sempre di più per vedere il mio limite e cercaredi abbatterlo continuamente. Continua a leggere

Grant Cameron, uno dei più famosi studiosi UFO al mondo, dirige online un progetto conosciuto come “The President’s UFO Website” (link). Il sito web ha il compito di catalogare materiali datati e studi sugli UFO provenienti da ogni amministrazione presidenziale americana, a partire da Franklin D. Roosevelt.

L’articolo di Cameron intitolato “President Carter, Daniel Sheehan, and Donald Menzel: The Congressional Research Service UFO Studies for President Jimmy Carter” descrive il ruolo svolto da Sheehan nell’analisi delle sezioni classificate nello studio sugli UFO dell’Air Force del 1969, conosciuto come Project Blue Book, che non è stato mai rilasciato per la pubblica distribuzione (per recuperare l’intero articolo digitate sul motore di ricerca di Google “The Marcia Smith Story — The President’s UFO Study.”).

Sheehan, che ho incontrato e discusso sul suo lavoro sugli UFO, è un Ph.D. di Harvard, è laureato in Legge e ha lavorato come consigliere generale per la U.S. Jesuit National Headquarters — National Office of Social Ministry a Washington D.C. Nell’anno 1976, ha anche lavorato come consulente per Marcia Smith, un’analista in Scienze e Tecnologia con il Congressional Research Service. All’inizio dell’amministrazione Carter, Smith è stata richiesta dalla U.S. House Science and Technology Committee per avviare due indagini importati:

Per determinare se sono esistite intelligenze extraterrestri nella nostra Galassia.

Per determinare se ci sia una relazione tra le intelligenze extraterrestri e il fenomeno UFO. Continua a leggere

A partire dal prossimo 4 Gennaio 2011, Discovery Science Channel Italia ospita una serie di documentari con il fisico teorico e di fama internazionale Michio Kaku. Noto per essere un grande divulgatore e provocatore scientifico, Kaku ci accompagnerà in un viaggio verso l’esplorazione del mondo di ciò che sembra impossibile, con una serie di immagini e simulazioni in computer grafica che tenteranno di mettere in evidenza il fatto che la fantascienza non sembra essere poi così lontana dalla realtà della scienza.

Secondo Kaku, ci sono 3 categorie che riguardano la fisica dell’impossibile: la prima consiste in ciò che sarà realizzabile entro pochi decenni; la seconda in ciò che lo sarà entro alcuni secoli; la terza in ciò che, forse, non lo sarà mai. Insomma tanti argomenti “impossibili” dall’invisibilità al teletrasporto, dai viaggi nel tempo all’intelligenza artificiale per concludere con la teoria delle stringhe.

Appuntamento quindi il 4 Gennaio 2011 sul canale satellitare 405 di Sky

Fonte: astronomicamentis.it

Le testimonianze di centinaia di rivelatori all’interno del Governo, tra i militari e nelle corporazioni, hanno permesso di stabilire questo: CHE GLI UFO SONO UNA REALTA’ e che alcuni di essi sono costruiti nell’ambito di oscuri e segreti progetti neri (Black Project) del governo, mentre altri vengono da civiltà extraterrestri, che un certo gruppo ha mantenuto segreto, tutto questo in modo da conservare il possesso e il controllo sulla tecnologia che sta dietro gli UFO stessi, fino al momento giusto..”

Immaginate quanto segue: è l’estate del 2001 e qualcuno vi si presenta col soggetto per un film o un libro che racconta di come si manifesta un diabolico piano terroristico,quando entrambe le torri di 110 piani del World Trade Center e la porzione del Pentagono vengono distrutte da aerei di linea dirottati e scagliati contro tali strutture. Naturalmente vi fareste una risata e se foste un produttore cinematografico lo rifiutereste in quanto ridicolo e non plausibile, persino per un film o un romanzo. Dopotutto come potrebbe un aereo di linea, seguito sul radar dopo che altri due velivoli si erano già schiantati contro le torri del WTC, passare attraverso le maglie della difesa aerea statunitense e penetrare nello spazio aereo più sensibile del pianeta, in pieno giorno, col cielo terso come un cristallo e impattare contro il Pentagono! E questo in un paese che spende oltre un miliardo di dollari al giorno per la propria difesa! Assurdo, illogico, non la berrebbe nessuno!

Sfortunatamente, c’è qualcuno di noi che ha visto questi copioni, e quelli di cose avvenire ben peggiori, e non ridendo affatto! Continua a leggere

Auguri a tutti………. 🙂

Vodpod videos no longer available.

Vodpod videos no longer available.

CRISTALLI SWAROVSKY E CAMPANE DEL VENTO

 

CRISTALLI  SWAROVSKY

 

I Gifts of Light sono creazioni artigianali realizzate a mano con veri cristalli Swarovski. Vanno appesi nelle stanze in prossimità delle finestre in modo che vengano colpiti dai raggi solari. Quando la luce solare colpisce un cristallo sfaccettato, viene scomposta nello spettro completo di colori.

Per il Feng Shui la luce contribuisce a ripristinare le energie positive negli ambienti. Continua a leggere

Canale: Kris Won

http://galacticchannelings.com

Saluti da Alpha Spaceship!

Dagli angoli più profondi e nascosti nello spazio vengono le benedizioni di Esseri Sublime, benedizioni che al raggiungimento l’atmosfera mentale, astrale e fisica del pianeta riempire tutti gli esseri viventi che abitano il pianeta, con amore e fraternità. Le loro benedizioni, i loro auguri e preghiere sono con l’intenzione di aiutare la Terra ei suoi abitanti di raggiungere con successo l’Ascensione, in questi momenti più propizio in cui il vostro sistema solare sta cominciando a percorrere i margini di influenza energetica della Galassia Sole Centrale.

Ci sono così tante anime meraviglioso, incarnato e disincarnato, che stanno offrendo il loro aiuto in questi momenti di così grande rilevanza! Se si potesse vedere tutto come le vediamo noi (anime disincarnate, i viaggiatori provenienti da punti distanti della Galassia e oltre, le anime intraterrestrial che abitano l’interno del pianeta e che sono in attesa di ricevere a braccia aperte, e, infine, l’avanzata terrestre esseri umani), si delizia nella presa di coscienza del supporto e la cooperazione con i quali si conta in questo momento! Continua a leggere

Secondo le ricerche di un’università dei Paesi Bassi, il Wireless è responsabile di anomale malattie degli alberi. Gli studi affermano che il 70 per cento degli alberi delle zone urbane olandesi soffrono della cosiddetta “malattia del Wi-Fi”. Ancora ignoti gli effetti sugli esseri umani.

Secondo una ricerca dell’università di Wageningen, nei Paesi Bassi, le connessioni Wireless sono responsabili dello stato precario di salute degli alberi. Lo studio è stato commissionato dai cittadini di una città olandese dopo aver rilevato che gli alberi erano affetti da anormalità non riconducibili a infezioni virali o batteriche.

Nel corso degli ultimi 5 anni, le ricerche hanno evidenziato che tutti gli alberi malati nel mondo occidentale sono affetti da radiazioni trasmesse dalle reti dei telefonini e dalle connessioni LAN wireless.

Più del 70 per cento degli alberi nelle aree urbane dei Paesi Bassi soffrono della cosiddetta “malattia del Wi-Fi”, mostrando differenze significative nella crescita nonché fenditure ed emorragie anomale nella corteccia. Soltanto 5 anni fa le piante affette da questi sintomi erano circa il 10 per cento. Gli alberi nelle aree boschive del paese non sono interessati da questi problemi, e rimangono in salute. Continua a leggere

Tratto dalla newsletter del Dr. Richard Boylan

Cari amici,

E arrivato il momento di mettervi al corrente delle seguenti informazioni di importanza critica che avranno conseguenze a livello mondiale. La fine del Cover-Up extraterrestre è imminente. E sarà attuata questo anno. Vi scrivo cio’ dalla prospettiva di essere un cittadino degli Stati Uniti, praticamente l’ultima grande potenza a non aver ancora detto alla sua gente la verità sulla realtà UFO.

La Francia lo ha fatto. Il Regno Unito lo ha fatto. La Cina permette ormai passivamente alle informazioni sugli UFO di essere trasmesse liberamente sui network televisivi e sui giornali , senza restrizioni. La Fox News ha riferito che lo scorso anno la Marina Russa ha declassificato le registrazioni di incontri con gli UFO, come riportato sul sito Web in lingua inglese del canale di notizie russo satellitare Russia Today.

Chi è la maggiore potenza che ancora trattiene le informazioni ? Gli Stati Uniti. Ma ancora per poco.

Il resto del 2010 sarà qualcosa da guardare con stupore, che si tratti dei giornali, dei telegiornali o radio, o dei cieli sopra le nostre teste !

Eccovi quattro date importanti. Continua a leggere

Avvistamenti Ufo in Nuova Zelanda

La radio nazionale oggi ha informato che l’Esercito della Nuova Zelanda ha declassificato centinaia di rapporti militari tenuti, fino a questo momento, segreti su dei presunti avvistamenti UFO e persino di incontri con alieni.

Sebbene la notizia abbia riacceso l’interesse e l’attenzione su questi fenomeni, quasi tutti sono spiegabili come semplici effetti derivati dai movimenti della luce. In ogni caso, i rapporti militari e le relazioni sono chiari e contengono più di 2.000 pagine di dati che includono le testimonianze più disparate dai civili, ai militari, ai piloti commerciali che hanno affermato di aver visto in cielo, in luoghi e in date differenti, degli oggetti volanti non identificati.

In questo caso particolare, i rapporti sono correlati anche da informazioni più precise che contengono anche disegni di dischi volanti, descrizioni dettagliate di extraterrestri che portano delle maschere, per certi versi, rassomiglianti a quelle dei faraoni egiziani e testi che, secondo alcuni presupposti, sono stati scritti da dei marziani. Un caso assodato è quello del 1978 che riferisce e relaziona di un avvistamento con strane luci a bordo di un aereo commerciale vicino al Distretto di Kaikoura che è un’autorità territoriale della Nuova Zelanda e che si trova entro i confini della regione di Canterbury, nell’Isola del Sud. Continua a leggere

Analisi di laboratorio provano che il padre dell’essere a cui apparteneva il famoso cranio ‘Starchild’ non era di origine umana. Il DNA lo confermerebbe.

Secondo Lloyd Pye presto arriveranno conferme ufficiali di un laboratorio accreditato che ha eseguito le analisi.

Finalmente è stato svelato il DNA nucleare dello ‘Starchild’

Il ricercatore Lloyd Pye tramite la pubblicazione della seguente mail rende note le incredibili scoperte a conferma che l’ormai noto teschio ‘Starchild’ non è del tutto umano:

La scorsa settimana mi sono incontrato con il genetista che ha lavorato sul DNA dello Starchild. Mi ha spiegato che ora si può provare che il teschio dello Starchild non è interamente umano, come da noi sostenuto per anni. Ora non si tratta di una questione di “se”, ma di “quando” e “come” si è sviluppata questa nuova stupefacente realtà.

Nel 2003 riuscimmo ad eseguire l’analisi del DNA per quanto riguarda la parte umana per poi recuperare il DNA mitocondriale dello Starchild, il DNA al di fuori dei nuclei, che proviene dalla madre e dalla sua linea genetica. Ciò significava che la madre era di origine umana. Ma non siamo siamo stati in grado di recuperare il DNA nucleare, che proviene sia dalla madre che dal padre, il che significava che suo padre non era un essere umano. Purtroppo, con la tecnologia del recupero del DNA del 2003 non potemmo dimostrare che cosa era in realtà, lasciandoci in un limbo scientifico. L’assenza del risultato della ricerca nucleare del DNA chiaramente significava che il padre non era umano, ma non potemmo dimostrarlo a pieno. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: