Category: Dna


Come percepire, riconoscere e utilizzare il linguaggio dei colori

Fonte: Vivi consapevole  Il Magazine di Macrolibrarsi.it di Mariapia Scalzo

La parola “colore” ci riporta alla mente un universo fatto di conoscenze antiche e moderne, poiché dai colori ha origine la vita e per mezzo di essi, essa si esprime.  Dalla medicina tradizionale cinese agli antichi egiziani, dai greci agli indiani, i colori, in quantità di “figli” della luce (questa, fonte di vita), rappresentano elementi naturali dall’alto potere terapeutico: i Faraoni d’Egitto si dedicavano all’ascolto dei suoni della natura con l’esposizione al sole per il rilassamento e per la cura del corpo; i sacerdoti egizi ci hanno tramandato manoscritti sulla scienza del colore ancora oggi ritenuti di eccezionale scientificità; i medici giapponesi attraverso la visualizzazione dei colori insegnavano la respirazione; i medici dell’Antico Egitto erano soliti far bagnare nel fiume sacro gli ammalati avvolti in drappi colorati per sedare il dolore e il nervosismo (bianco)e indurre maggior forza (rosso). In sostanza l’intero spettro della luce, con le sue vibrazioni, costituisce un efficiente veicolo di informazione energetica, tale da indurre e convogliare una certa oscillazione (vibrazione) armonica, in accordo con lo stato di equilibrio delle nostre cellule, singoli mattoni dell’edificio umano (teoria dei biofotoni del dottor Popp).

Come è possibile curare con il colore?

Il corpo umano è rappresentato da un sistema di “canali energetici” che nell’Agopuntura vengono chiamati “meridiani” la cui funzione è quella di condurre, trasportare, trasmettere energia in uno stato di equilibrio. I disturbi funzionali che conducono alla malattia sono soltanto gli effetti di problemi ben più profondi, che si radicano anche nell’ambito spirituale ed emotivo e che determinano uno squilibrio della corrente energetica vitale. Continua a leggere

SERVE NUOVA COSCIENZA DI GRUPPO PER CO-CREARE LE SCOPERTE DI RICERCATORI RUSSI

Parte seconda

Fonte:www.thelivingspirits.net

Nel loro libro “Vernetzte Intelligenz” (intelligenza in rete), Grazyna Gosar e Franz Bludorf spiegano queste connessioni con precisione e chiarezza. Gli autori citano anche fonti presumendo che nei primi tempi l’umanità fosse stata, proprio come gli animali, molto fortemente connessa alla coscienza del gruppo e che agisse come un gruppo.

 

 

 

Per sviluppare e far esperienza dell’individualità, noi umani ci siamo comunque quasi del tutto dimenticati dell’ipercomunicazione. Ora che siamo abbastanza stabili nella nostra coscienza individuale, possiamo creare una nuova forma di coscienza di gruppo, cioè una nella quale abbiamo accesso a tutte le informazioni attraverso il nostro DNA senza venir forzati o controllati da lontano riguardo a cosa fare con quell’informazione.

 

 

 

Ora sappiamo che come in internet il nostro DNA può alimentare i propri dati all’interno della rete, può richiamare i dati dalla rete e può stabilire un contatto con altri partecipanti nella rete. Così si spiegano la cura a distanza, la telepatia o “il sentire a distanza” lo stato di parenti ecc. Continua a leggere

IL DNA E LE IPERCOMUNICAZIONI:LE SCOPERTE DI RICERCATORI RUSSI

Parte prima

Fonte: www.thelivingspirits.net

In questi clima radioattivo, dove ad essere chiari sono i danni enormi al DNA delle persone esposte (in primis i Giapponesi), queste notizie sul DNA, anche se non dell’ultima ora, sono affascinanti e incoraggianti; ancora una volta, ce ne fosse bisogno, che le vie “non scientifiche” secondo il concetto occidentale, ma esoteriche e spirituali, la questione l’avevano già capita…

Il DNA, che risiede nel nucleo delle cellule, fu scoperto nel 1869 dal fisico svizzero Friedrich Miescher, in un tempo in cui Karl Freiherr von Reichenbach (Germania) faceva ricerche sull’energia della vita e Claude Bernard (Francia) dava prova del Pleomorfismo (la proprietà di alcuni batteri di modificare la propria morfologia) e confutava il Monomorfismo ipotizzato da Luis Pasteur. Continua a leggere

DNA

Fonte:Fonte:www.animacosmica.org


Paolo Benda scrive: Il DNA umano è un Internet biologico, superiore, sotto molti aspetti, a quello artificiale. La più recente ricerca scientifica russa spiega, direttamente o indirettamente, fenomeni quali la chiaroveggenza, l’intuizione, gli atti spontanei ed  distanza di cura, l’auto-guarigione, le tecniche di affermazione, la luce o aure insolite intorno alle persone (concretamente, dei maestri spirituali), l’influenza della mente sui modelli climatici e molto ancora.

Inoltre, ci sono segni di un tipo di medicina completamente nuova nella quale il DNA può essere influenzato e riprogrammato dalle parole e dalle frequenza SENZA sezionare e rimpiazzare geni individuali.

Solo il 10% del nostro DNA viene utilizzato per costruire le proteine. Questo subcomplesso di DNA è quello che interessa i ricercatori occidentali che lo stanno esaminando e catalogando. L’altro 90% è considerato “DNA rottame”. Tuttavia, i ricercatori russi, convinti che la natura non è stupida, hanno riunito linguisti e genetisti per intraprendere un’esplorazione di quel 90% di “DNA rottame”. I loro risultati, scoperte e conclusioni sono semplicemente rivoluzionarie! Secondo loro, il nostro DNA non solo è il responsabile della costruzione del nostro corpo, ma serve anche da magazzino di informazioni e per la comunicazione. Continua a leggere

ABDUCTIONS, ALIENI.. CONSIDERAZIONI DI MAURIZIO BAIATA

Fonte: http://www.animacosmica.org

ALIENI

Maurizio Baiata – Ufologo

Considerazioni sul perché non la vedo come Malanga

Ci eravamo lasciati, qualche tempo fa, con una nota che chiudeva così: Credo che esista un grande piano, che riguarda persone consapevoli di appartenere alla medesima dimensione e capaci di salire al gradino più alto dell’esistenza umana.

Esiste un volere superiore che sta alla base delle esperienze di Contatto con creature sconosciute che ci visitano e percepiamo. Superare la paura e aprirsi alla loro presenza è possibile. Spesso è un processo doloroso, traumatico e difficile. Spesso ci si sente soli e respinti. Attraverso la disponibilità e la condivisione, la condizione degli “experiencers” diviene il riconoscimento di chi si è, nel profondo. In questo sono certo di non essere solo.

Ora, è necessario un chiarimento in merito alla mia posizione nei confronti del fenomeno Abductions/Esperienze di Contatto Alieno. Ho profondamente, se non radicalmente, modificato il mio approccio personale e professionale alla questione. Non l’ho fatto in seguito a quella che qualcuno potrebbe definire “crisi mistica”, come una volta si diceva ironicamente per chi avesse improvvisamente cambiato modo di vivere e di vedere a seguito di chissà quale stravolgimento, tale da far dire “Io quello non lo riconosco più. È diverso… cosa gli sarà successo?” Continua a leggere

DAVID WILCOCK: IL TUO DNA E’ UN COMPUTER QUANTISTICO?

Fonte: www.animacosmica.org

Il DNA potrebbe davvero essere un super-avanzato, super-potente computer ? Questo è un grosso indizio che accende il vostro appetito per la Parte Due de “Il tuo DNA sta Cambiando!”

La Parola Ronzante è “Quantum Computing”. Il DNA potrebbe essere una specie di miracoloso “chip da computer”? Potrebbe essere una tecnologia iper-avanzata, messa proprio di fronte alle nostre facce da una vasta super-intelligenza? E’ stata ferma lì tutto questo tempo, aspettando che la decodificassimo e sviluppassimo inimmaginabili splendide nuove tecnologie?

Continua a leggere

DSM-IV – Una nuova sfida al mondo delle abductions

Fonte: ufoplanet.ufoforum.it

Da sempre la ricerca sul fenomeno dei rapimenti alieni ha suscitato costernazione, fascino e paura tra coloro che si sono avvicinati aquesta fenomenologia.

 Da sempre la ricerca sul fenomeno dei rapimenti alieni ha suscitato reciproci sentimenti di costernazione, fascino e paura tra coloro che vi si sono avvicinati o hanno cercato di comprendere i fattori che potessero essere alla base di questa fenomenologia. Una sfida alla razionalità umana ovvero allo status quo precostituito da sempre imposto e mantenuto in nome di quella “correttezza” politica e scientifica, ovvero frutto di quella ideologia antropocentrica da sempre connaturata nell’animo umano, che non ha mai accettato cambiamenti drastici se non a seguito di drastiche rinunce. Continua a leggere

 

Kymatica. Il film di Ben Stewart, autore di Esoteric Agenda.

Immortalità e Dna

IMMORTALITÀ E DNA

Fonte: Daniela Bortoluzzi per Edicolaweb

blank.gif

Siamo creature di luce immortali che non sanno – anzi “non ricordano” – di esserlo e si identificano erroneamente con l’involucro provvisorio e quindi mortale che le riveste temporaneamente: il corpo fisico.
blank.gifPer parlare di immortalità bisogna quindi parlare anche di morte, anche se per la maggioranza delle persone questo argomento è tabù. Si evita perfino di pensarci, quasi a fingere con se stessi di essere immortali.
Oggi nessuno vuole parlare della morte, specialmente della propria. Intavolare un discorso su questo argomento, significa rompere la calma piatta e disturbare la mente delle persone. Come se non parlandone, uno fosse immune alla morte.
Provate a chiedere a qualche vostro amico dove pensa di andare “dopo”.
Vi dirà: “Non mi interessa, intanto penso a vivere qua adesso e meglio che posso, il dopo non mi interessa. Se c’è un dopo, ammesso che ci sia, ci penserò quando sarà il momento, ci penserò dopo”.
Ma questo è assurdo! Bisogna sapere dove andremo!
E anche da dove veniamo e cosa facciamo qua.
Una volta chiarito questo punto, non sarà più possibile aver paura della morte, la peggiore di tutte le paure umane, una paura atavica che viene compensata dall’istinto di conservazione, grazie al quale gli esseri umani immaginano di sopravvivere nei loro figli trasmettendo loro il proprio DNA.
Quel DNA che contiene tutte le nostre informazioni genetiche e che si trasmette cellularmente con una stretta di mano, con un bacio, con un colpo di tosse… facendo sì che le reciproche cellule viventi formino per un certo periodo un “unicuum” e comunichino nella Matrix olografica che contiene tutto il Cosmo, dove “evidentemente” tutto è UNO. Continua a leggere
Il Clima Spaziale sta influenzando le nostre vite

https://i1.wp.com/www.magnetichealing.it/immagini/magnetico/magnetosfera.jpg

tratto da: http://www.altrogiornale.org/
di Bojan Gorjanc

Il 31 Gennaio 2011, Susan Joy Rennison ha tenuto una presentazione intitolata “Clima Spaziale: Implicazioni per il pianeta Terra e l’umanità”
Secondo Richard Fisher, Direttore della Divisione di Eliofisica della NASA: “La Terra e lo spazio stanno entrando in contatto in un modo nuovo per la storia umana. Io credo che ci troviamo al confine di una nuova era in cui il clima spaziale può influire nelle nostre vite giornaliere, quanto il clima terrestre. Prendiamo questo molto seriamente.”
Per lungo tempo abbiamo creduto di vivere in un universo guidato dalla gravità. Secondo Susan Joy Rennison e molti altri nel frattempo, non è così; viviamo in un universo elettromagnetico. Continua a leggere

Edoardo Capuano

NUOVO DNA

In questo articolo di Patricia Resch, la dottoressa Berrenda Fox ci mette in evidenza i cambi cellulari e del DNA. Fox è una facilitrice olistica del centro Avalon Wellness in Mount Shasta, California. La clinica Avalon rappresenta la re-emergenza dell’ideale di guarigione come si praticava nell’originale isola di Avalon. La dottoressa ha dato prove, attraverso analisi del sangue, che in realtà hanno sviluppato nuove catene di DNA.

PR: Parliamo un poco del suo curriculum

BF:ho un dottorato in fisiologia ed in naturopatia; durante il mio periodo di studio in Europa, sono stata coinvolta dai massmedia, e questo continua con il cinema. Sto lavorando con la televisione FOX in un programma sugli extraterrestri e sul loro ruolo in ciò che sta succedendo al genere umano in questo tempo.

PR: Quali sono i cambi che stanno avvenendo nel pianeta ora e come influiscono sul nostro corpo?

BF: Ci sono cambi maggiori, mutazioni, che secondo i genetisti hanno iniziato da quando siamo usciti dall’acqua. Qualche anno fa, a Città del Messico, ci fu una conferenza di genetisti di tutto il mondo, con tema principale: il cambio del DNA. Stiamo vivendo un cambio rivoluzionario, tuttavia non sappiamo verso cosa stiamo cambiando. Continua a leggere

E’ giunto il momento di abbondonare le vecchie credenze che la comunità scientifica e accademica e i mass media ci hanno inculcato, per muoverci verso la nuova 

ed eccitante prospettiva di salute, benessere e abbondanza offerta da questa scienza d’avanguardia: l’epigenetica.
Bruce Lipton dimostra, ciò in cui crediamo determina ciò che siamo, e non è il nostro DNA a determinare la nostra vita e la nostra salute.

 Si tratta di una grande rivoluzione della scienza e del pensiero umano, che ci libera dalla prigionia del destino.
Ogni cellula del nostro corpo può essere paragonata a un essere intelligente, dotato di intenzionalità e scopo, in grado di sopravvivere autonomamente, 

il cui vero cervello è costituito dalla membrana. Questa scoperta porta a una conclusione sbalorditiva: i geni non controllano la nostra biologia,

 e invece l’ambiente a influenzare il comportamento delle cellule.


Fonte. http://www.icansavetheplanet.com

Il passato rettiliano dell'umanità
Fonte: zret.blogspot.com
Richard A. Boulay è autore di “Flying serpents and dragons The story of Mankind's reptilian past”. Il saggio è stato tradotto in francese, ma non nella nostra lingua e forse non lo sarà mai. L’edizione d’oltralpe è purtroppo priva dell’apparato iconografico che impreziosisce il testo in inglese.

Boulay propugna la tesi secondo la quale gli uomini sarebbero stati creati da una razza di Rettili (gli Anunnaki), basandosi su fonti archeologiche ed iconografiche che sono menzionate pure da altri ricercatori, di solito per suffragare opinioni diverse. In verità, il titolo di Boulay non appare molto persuasivo, poiché gli indizi da lui raccolti circa una presunta ascendenza rettiliana di Homo sapiens sapiens sono pochi e per di più potrebbero essere interpretati secondo criteri simbolici. Tuttavia l’opera è ricca di spunti meritevoli di approfondimento: dalla ricostruzione della storia di cui furono protagonisti i Sumeri, considerati il popolo da cui sbocciarono le altre culture, al nesso tra Sumeri e Habiru, dal culto degli dei serpenti al tema dell’immortalità, dall’evento noto come Diluvio universale ai Rephaim… Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: