Tag Archive: yoga


La Kundalini

« … La Kundalini è una delle più potenti energie. L’intero corpo del ricercatore inizia a risplendere con l’ascesa della Kundalini. Grazie ad essa, impurità fisiche indesiderate scompaiono. Il corpo del ricercatore improvvisamente appare molto armonioso, lo sguardo appare luminoso e magnetico e l’occhio stesso risplende. »

Alla base del raggiungimento dello yoga, vi è un’energia che risiede nell’osso sacro di ogni essere umano. Probabilmente gli antichi greci, attribuendo il nome “sacro”
aquell’osso, avevano intuito che in esso vi fosse qualcosa di importante.
Questa energia è chiamata in sanscrito Kundalini, termine che deriva da kundal, che significa “spira”, ed indica il fatto che questa energia si trovi avvolta su se stessa in tre spire e mezzo nella sua sede naturale, chiamata in sanscrito Muladhar (da non confondere con il Muladhara chakra che si trova sotto l’osso sacro).

La Kundalini si trova allo stato potenziale fin dalla nascita. Nel momento in cui essa è risvegliata, si muove lungo un canale energetico (detto Sushumna Nadi) disposto per tutta la lunghezza della spina dorsale, attraversa il cervello e poi un’area detta “osso della fontanella” disposta sulla cima della testa (la parte del cranio che è morbida nei neonati); infine la Kundalini fuoriesce e si connette con l’energia universale e questa unione è detta appunto yoga.

Annunci

l Gayatri Mantra

OM 

Bhur Bhuva Svaha

Tat Savitur Varenyam

Bhargo Devasya Dheemahi

Dhiyo yonah Prachodayat

Ascolta il Gayatri Mantra 

Il Gayatri é una preghiera rivolta all’ Intelligenza Universale. Il suo scopo é quello di accendere il potere del discernimento per permettere all’uomo di analizzarsi e di rendersi conto della sua natura divina. É conservata come reliquia nei “Veda”, le più antiche scritture dell’uomo. “Veda” significa infatti conoscenza, e la Preghiera alimenta ed aguzza la capacità di accrescimento della conoscenza. In realtà le quattro “Mahavakyas”, o concetti base racchiusi nei “Quattro Veda”, sono impliciti in questo Gayatri Mantra.Agisce come un talismano protettore per coloro che la pronunciano con continuità. Sai Baba ha affermato che questa preghiera é adatta a qualsiasi credo, perché essa dal Glorioso Potere che pervade il Sole ed i Tre Mondi (Fisico-Eterico-Causale) invoca la crescita, il risveglio ed il rinvigorimento dell’ Intelligenza.Il Gayatri Mantra é sinonimo del Divino, é lo stesso suono di Dio, esso permea tutto il Cosmo manifesto. É la Base, la Realtà che trascende l’Universo soggetto a conoscenza e a sperimentazione.Il termine “Gayatri” proviene da GAYAntam TRIyate iti, che significa: “Ciò che preserva, protegge o salva dalla corruttibilità, colui che lo recita”. GAYA vuol dire Essere e insegna la Verità, il principio della vita.Occorre infatti accostarsi a questo mantra con dovuta umiltà , reverenza,fede ed amore.La Gayatri ha anche tre nomi: Gayatri, Savitri e Saraswati. Gayatri rappresenta i sensi, Savitri é l’energia vitale o prana, ed é il simbolo della verità. Saraswati é la dea del linguaggio e dell’insegnamento, il simbolo della chiarezza intellettuale.Questi tre aspetti sono presenti in ciascun uomo e simboleggiano la purezza di pensieri, parole ed azioni, che ogni aspirante deve raggiungere sul sentiero della realizzazione spirituale. Come si può raggiungere la visione di queste tre divinità nella preghiera? Sai Baba ha spiegato più volte che il Gayatri Mantra si divide in tre parti: descrizione, meditazione e preghiera.  Continua a leggere

Conferenza/concerto ‘Il diapason scientifico a 432 Hz e La Frequenza dei Delfini a 8 Hz’

Fonte:  www.ecplanet.com

I giorni 7 e 8 maggio 2011 presso il centro yoga Arkaya in via Serta n. 20/A a Lamone (Canton Ticino – Svizzera) si terrà la conferenza/concerto «Il diapason scientifico a 432 Hz e La Frequenza dei Delfini a 8 Hz»

Alla conferenza/concerto parteciperanno:

Flavia Vallega è una cantante italiana che vive a barcellona (Spagna) di origine egiziana che ha fatto variegate esperienze come esploratrice dei mondi sonori in differenti linguaggi musicali: dal jazz (collaborando, fra gli altri, con Giorgio Gaslini, Mal Waldron, Mike Melillo e Roberta Gambarini di Italian Vocal Ensemble) alla lirica, dal pop alla musica contemporanea (con Franco Battiato). Ha scoperto la propria particolare vena creativa iniziando a comporre brani in stile world music, nei quali la voce può veicolare calde suggestioni esotiche legate al retroterra egiziano.

Continua a leggere

IL CANTO ARMONICO

http://www.terembir.com

 

INTRODUZIONE

Nelle antiche tradizioni sciamaniche della Mongolia, dell’Africa, dell’Arabia e del Messico, nelle tradizioni arcane cabalistiche del Giudaismo e del Cristianesimo e nelle sacre tradizioni spirituali del Tibet, i suoni vocali e gli armonici, conosciuti anche come ipertoni, sono stati usati per guarire e trasformare. Sono stati usati per comunicare con le divinità ed invocarle, per bilanciare i centri energetici del corpo e per attivare le risonanze del cervello. In tutti questi anni di ricerca e di studio nel campo del suono terapeutico e del trasformativo, non ho trovato altra tecnica che racchiuda il potere del suono sacro come gli armonici. L’abilità di creare due o più note contemporaneamente non è altro che magia!

Il fatto che questi suoni possano essere usati per intervenire in campo fisico, emotivo, mentale e spirituale li rende ancora più straordinari. Fino a tempi recenti, la conoscenza della creazione degli armonici vocali è rimasta esclusivamente custodita dal mistero esoterico delle tradizioni e non era permesso al non iniziato di accedere a questo incredibile aspetto del suono. Negli ultimi dieci anni tutto questo è cambiato. I monaci tibetani di Gyume e Gyuto hanno fatto esibizioni pubbliche in tutto il mondo. Le registrazioni dei coristi hoomi della Mongolia sono in commercio. In Occidente, musicisti, studiosi di meditazione e terapeuti del suono come David Hykes, Jill Purce e Michael Vetter stanno portando alla luce le virtù degli armonici.

Questa potente e mistica capacità permette di emettere due o più note contemporaneamente. È uno dei fenomeni sonori più straordinari. Creare armonici vocali è un’avanzata forma di trasformazione e guarigione personale quando si è in grado di produrre i suoni da sé. Una volta raggiunta una capacità anche rudimentale di intonare armonici, il modo di ascoltare e di emettere suoni si modifica per sempre. Rende possibile l’apertura dello spettro sonoro che risuona e riverbera nell’intero universo la scienza degli armonici.

CHE COS’E’ IL SUONO?

L’universo vive di suoni ed in tutti questi suoni sono presenti gli armonici. Gli armonici, conosciuti anche come ipertoni, sono un fenomeno sonoro che si verifica ogni volta che un suono viene emesso. Normalmente, ci sembra di percepire note singole quando sentiamo uno strumento musicale come il violino ed il pianoforte che suonano una nota. Invece, quasi tutte le note prodotte da strumenti musicali, dalla nostra voce o da altre sorgenti sonore, non sono realmente note pure”, ma sovrapposizioni di frequenze di note pure, chiamate “parziali”. La più bassa di tutte queste frequenze è detta “la fondamentale”. Continua a leggere

 

La locandina del VeganFestExpo : VeganFestExpo

Per informazioni contattatemi pure sabrybiri@gmail.com


I  quattro giorni del VeganFestEXPO saranno caratterizzati da una fitto programmazione di eventi interessanti ed originali sia negli SPAZI PERMANENTI, che nei singoli eventi della PROGRAMMA GIORNALIERO.
Il seguente programma è ancora in corso di aggiornamento. Molti altri eventi si aggiungeranno presto e potrebbe rendersi necessaria qualche leggera modifica agli orari attualmente indicati.

Ristorante Vegan Orario 12,00/14,30  –  19,30/23,00
Nelle ricche sale della villa, personale esperto vi accoglierà all’interno di un lussuoso e riservato ristorante Vegan con specialità uniche e raffinate, impreziosite dalla speciale carta di vini biologici e Biodinamici.
All’interno del ristorante, sarà possibile acquistare le esclusive bottiglie di vino bianco e rosso a KmZero certificate VeganOK in edizione limitata e marchiata “VeganFest 2011”.
www.veganfest.it Continua a leggere

Mettere in atto comportamenti profondamente ecologici e rituali psichici collettivi, se vogliamo interrompere la nostra attuale corsa al suicidio e creare una civiltà planetaria armoniosa e pacifica fondata su una visione non dualistica dell’universo, può sembrare a molti un’ipotesi assai remota. Ma la storia del pensiero umano rivela una straordinaria tendenza per idee che all’inizio sembrano assurde, eccessivamente radicali o al di là della possibilità di comprensione di un certo momento storico, anche se sono proprio queste idee che creano nuove condizioni e trasformano le strutture sociali.

Per esempio, prima del XVIII secolo, pur conoscendo la luce, nessuno poteva immaginare l’uso della corrente elettrica e il suo potenziale di trasformazione del mondo. Una volta imparato a farlo, la civiltà industriale ha cambiato il volto della terra in meno di due secoli, un semplice battito di ciglia nell’arco del tempo evolutivo. Se l’abbiamo fatto una volta possiamo farlo di nuovo, in condizioni diverse, per uno scopo diverso e in un arco temporale ancora più breve. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: