Tag Archive: terremoto giappone


 La coscienza collettiva modificata dallo Tsunami?

Fonte:altrogiornale.org 

Cari amici, diverso tempo fa ci siamo occupati degli esperimenti dell’Università di Princeton sull’interazione tra mente e materia (con La mente modifica la materia e su spaziomente.com con l’articolo Poteri dell’ingegneria e della mente: il progetto PEAR )

Come già accennato altrove dunque, sempre a Princeton – ma non più all’Università – da anni Roger Nelson dirige il Global Consciousness Project, un progetto su scala internazionale che registra dati provenienti da generatori di eventi casuali in 65 Paesi del mondo. Per spiegarla in soldoni, possiamo immaginare questi dispositivi come generatori di sequenze binarie (200 bit ogni secondo) come se fossero lanci di moneta – o testa o croce – i cui risultati nel complesso si raggruppano uniformemente nel tempo – 50% delle possibilità per testa e 50% per croce.

Tuttavia, analogamente a quanto avveniva su base individuale – o di piccoli gruppi – negli esperimenti del PEAR (in cui però si misurava l’effetto dell’intenzione sulla “materia”), anche su scala collettiva sembra che qualcosa di particolare possa essere osservato: in concomitanza ad eventi “choc” o di portata mondiale, che coinvolgono quindi un cospicuo numero di persone sulla Terra, i generatori di eventi casuali – o REG – non producono più risposte che si raggruppano attorno ai dati medi statistici, ma in qualche modo se ne discostano in maniera significativa. Continua a leggere

Bagliori nel cielo del Giappone prima del terremoto, la firma di HAARP?Ma chi e perché sta usando le armi sismiche?

 Fonte:  scienzamarcia.blogspot.com

Quando le persone sentono parlare di HAARP e terremoti artificiali, pur di non credere alle evidenze si inventano ragionamenti del tipo: “se ci fosse stato un invio di onde elettromagnetiche ad alta intensità da parte di un sistema di antenne, allora si sarebbe notato qualcosa nel cielo, un qualche intenso bagliore, una sorta di scarica simile al fulmine o qualcosa di simile”

Forse non sanno che tali bagliori sono stati notati poco prima delterremoto nel Sichuan (Cina), del disastroso terremoto in Cile di circa un anno fa, e anche del recente terremoto in Giappone, mentre notizie simili provengono persino dall’Iran. La conferma questa volta non ce l’abbiamo solo in questo video pubblicato su youtube, ma persino in un servizio del telegiornale di Studio Aperto (Italia 1).

Fulford: La nave di perforazione oceanica di profondità”Chikyugo” sospettata di coinvolgimento installazione arma per terremoti, ora nella baia di Tokyo

Fonte: raggioindaco.wordpress.com

Fonti Giapponesi della White Dragon Society stanno segnalando che la nave Giapponese di perforazione oceanica di profondita’ Chikyugo, è stata sequestrata sotto il controllo della cabala oscura. La nave venne avvistata nella zona che divenne l’epicentro del terremoto dell’11 marzo 2011 , giorni prima del terremoto. Ora è stazionata nella baia di Tokyo, e questa viene interpretata come una cruda minaccia del bersagliare la piu’ grande citta’ di Tokyo. La White Dragon Society richiede che la nave venga ispezionata immediatamente o altrimenti sarà affondata. Un articolo scritto il 17 Gennaio 2011 menziona che la nave stava effettuando un “un sondaggio sui terremoti” al largo della costa di Fukushima.

Ecco il  link per l’articolo Giapponese e fotografie della nave:http://cafe.naver.jp/Oh+My+%E3%81%99%E3%81%94%E3%81%A3/2129526128137674006

Un nuovo forte sisma in Giappone, casualmente dopo l’oscuramento dei grafici HAARP

Fonte:www.ecplanet.com

Appena ieri erano arrivate le voci di alcune “stranezze” sulle emissioni di HAARP, grazie ai cui grafici alcune persone erano riuscite a prevedere alcuni dei più distruttivi terremoti degli ultimi tempi, compreso quello dell’11 marzo 2011 in Giappone. Oggi il caso vuole che ci sia stato un altro forte sisma in Giappone.

Chi non voleva credere alla connessione HAARP-terremoti diceva che sarebbe stato incredibile che il responsabile di un simile misfatto avrebbe messo on line le prove della propria colpevolezza. Chissà cosa diranno queste persone adesso che i grafici sono stati occultati.

Anche quest’ultimo terremoto in Giappone è stato provocato artificialmente? La certezza assoluta in questo caso non ce l’ho al momento, però il sospetto è molto forte, e quanto è successo è inquietante. Continua a leggere

I movimenti della superficie terrestre causati dal terremoto in Giappone visti dallo spazio

Fonte: oknotizie.virgilio.it

NEWS SPAZIO :- Le immagini satellitari sono state di supporto ai soccorsi dopo il terribile terremoto che si è abbattuto sul Giappone. Le immagini radar riprese dal satellite europeo Envisat hanno consentito agli scienziati di stabilire i movimenti tettonici avvenuti. E’ stato possibile realizzare mappe delle deformazioni avvenute in superficie causate dalla potenza dell’evento tellurico.

Analizzando i dati acquisiti il 19 Febbraio ed il 21 Marzo – prima e dopo il terremoto – i ricercatori Americani del laboratorio NASA JPL hanno rilevato uno spostamento della terra di circa 2,5 m verso est e un movimento verso il basso della costa orientale dell’isola di Honshu. Continua a leggere

Il Cicap per mezzo della Hack e di Veronesi si schiera dalla parte di chi ci vuole irradiati

Fonte: scienzamarcia.blogspot.com


“Margherita Hack, da ambientalista dico sì al nucleare. Su questo tema paure irrazionali”, questo il titolo di una notizia diffusa dall’agenzia adnkronos (http://www.adnkronos.com/IGN/Sostenibilita/Risorse/?id=3.1.404279132).
Diciamo subito che già dal titolo si comprende come la vecchia astrofisica usi bene la neolignua orwelliana: come Obama afferma che la sua guerra è per la pace, così la Hack (membro del CICAP) dice che la scelta nucleare è ambientalista.
Ma quali sono gli argomenti utilizzati da quaesta “esimia scienziata”? Sono degli argomenti dallo spessore inconsistente, indegni di una persona così esperta nel settore scientifico, che dovrebbe essere in grado di utilizzare la logica con maggiore accortezza dei comuni mortali, e invece … Continua a leggere

Giappone: Un tentativo finale disperato per Fermare il Disclosure?

Fonte: altrogiornale.org

di David Wilcock

Lunedì 21 Marzo, la Suprema Corte ha dato due settimane alla Federal Reserve per rivelare dove sono finiti tutti i soldi dal Novembre 2008. Il disastro del Giappone è stato un attacco per minacciare il mondo e farlo sottomettere, per fermare le indagini?

Parte Uno: Panoramica

La mia connessione col Giappone e Sendai

Sono rimasto profondamente e permanentemente colpito dal terremoto del Giappone, dallo tsunami e dal disastro nucleare. Non possiamo guardare indietro. Dobbiamo continuare ad andare avanti, col coraggio e l’attenzione necessaria per vedere la verità e usarla.
Nell’Ottobre 2003 sono stato tre settimane e mezzo in Giappone per promuovere una stampa limitata del mio primo libro The Shift of the Ages in Giapponese. Ho visto molti posti bellissimi in breve tempo. E’ stata una delle mie più grandi esperienze.
Una delle fermate è stata a Sednai, un posto incredibile, magico ed incantato. Ho visitato i santuari shintoisti e potevo sentire la presenza delle antiche epoche storiche.
Le persone sarebbero state in contatto con “Dei” benevolenti che venivano da Anemono Toribune, o “Navi Volanti dall’Universo”. Templi calmi e magnifici sono stati costruiti negli esatti punti dove sarebbero avvenuti i contatti.

Nessuno parla, ma mi è stato permesso di suonare il mio flauto Nativo Americano. Profondo. Melodioso. Onorabile. Sussurri di antiche promesse dimenticate da tempo, ma mai abbandonate. Quelli che si sono raccolti attorno a me hanno pianto. Per me è stato tremendamente difficile vedere le immagini della distruzione di Sendai e di altre città Giapponesi. Probabilmente non è rimasto nulla di quei posti così meravigliosi dove sono stato e dove ho offerto la mia musica agli antenati del Giappone.
Il mio cuore va alle vittime di questa terribile catastrofe.
Tutte le mie difese sono cadute. Ho dovuto abbandonarmi alle lacrime. Continua a leggere

Fulford: Le truppe di occupazione militar e Usa in fuga dal Giappone, i loro lacchè in fuga da Tokyo

Fonte:raggioindaco.wordpress.com

Le forze di occupazione degli Stati Uniti in Giappone stanno inscenando una grave sconfitta strategica perché sanno che l’establishment della difesa giapponese, sa che sono stati elementi delle forze armate statunitensi che hanno scatenato lo tsunami dell’ 11 marzo contro il Giappone. Questo attacco ha usato armi nucleari trivellate nel fondo del mare da sottomarini e non da HAARP, secondo alte fonti del Pentagono. In aggiunta, quattro mesi fa essi hanno scavalcato le autorità giapponesi e messo del mortale plutonio nel reattore numero 3 a Fukushima, secondo il governatore della prefettura di Fukushima. Questo era col preciso intento di fornire una storia di copertura nucleare per coprire l’attacco atomico dei fondali marini, ci dicono le fonti del Pentagono. Inutile dire che la cerchia di leader responsabili di questo attacco sono adesso nascosti e sanno che verranno trovati. Continua a leggere

HAARP UGUALE TERREMOTI: BUFALA O VERITÀ? Ecologia IL PROBLEMA NON È COSÌ SEMPLICE COME SI CREDE

Fonte:informarexresistere.fr

DI ROBERTO QUAGLIA – Roberto.info  

 

I pensatori della politica si dividono generalmente in due categorie:gli utopisti con la testa fra le nuvole, e i realisti con i piedi nel fango.

George Orwell

 

Qualche giorno fa ho scritto un articolo sulla possibile relazione fra HAARP ed il terremoto in Giappone. Le reazioni suscitate dall’articolo sono per certi versi più interessanti del mio pezzo stesso.

L’articolo in questione si intitolava “Siamo proprio sicuri che tutti questi terremoti e tsunami siano di origine naturale?” il quale dopo essere stato ripreso da vari siti di controinformazione ha avuto un notevole successo di pubblico. Solo che su Comedonchisciotte è stato letto da oltre 16.000 persone in un paio di giorni, credo una sorta di record storico per un articolo di controinformazione. Molti altri lettori ci sono stati su Megachip e presumibilmente su i molti blog che hanno clonato il pezzo.

Perché così tanti lettori? E quali sono state le reazioni?

Molte reazioni positive, così come alcune reazioni isteriche, tramutatesi in invettive nelle zone commenti dei vari blog. L’aspetto più interessante sono proprio queste reazioni isteriche. Poiché nessuno obbliga nessuno a leggere ciò che ad uno non piace, è interessante chiedersi perché così tanta gente legga ciò che poi li fa andare su tutte le furie. Masochismo? No. Peggio. Tutto inizia a causa dell’inadempienza dei giornalisti.

In ogni una società che si dice democratica c’è una classe di persone che viene lautamente pagata per informare la comunità su ciò che di importante avvenga nel mondo. Si tratta dei giornalisti, che però sempre più spesso evitano accuratamente di occuparsi in modo onesto dei temi che più contano. Nell’ideologia democratica, un giornalismo libero ed onesto è considerato uno dei principali “indicatori” per giudicare la democraticità di una nazione. Hollywood ci ha raccontato in tutte le salse la favoletta che i giornalisti sono sempre a caccia di clamorosi scoop per vincere il premio Pulitzer. La seduzione del mito è dura a morire. Ma nella realtà dei fatti, quando un giornalista osa fare uno scoop di quelli veri, se gli va bene perde il posto – volete una lista di giornalisti americani ed europei che hanno perso il lavoro per avere insistito a parlare di cose di cui dovevano solo tacere? E se va davvero male, si perde anche di più del lavoro, come l’esempio dello scrittore-giornalista Hunter Thompson insegna, del cui caso ho già parlato ne Il Mito dell’11 Settembre (se volete potete provare a sbirciare nella versione su Google books alla ricerca dell’episodio). Discussi en passant di queste cose anche durante una presentazione a Torino del mio suddetto libro, assieme a Vattimo e Càndito, ed i curiosi possono guardarsi qui sotto il video della discussione.[1] Continua a leggere

Terremoto in Giappone: il disastro nucleare uno degli scopi del sisma artificiale?
Fonte:scienzamarcia.blogspot.com

 

Avevo già puntato il dito tempo fa sul fatto che molti incidenti agli impianti nucleari (quasi sempre ridimensionati dalla servile opera dei mass-media) sembrano a volte intenzionali; quanto meno i livelli di sicurezza erano tali da generare incidenti con quasi totale certezza. A parte la propaganda sulla stampa (con dichiarazioni del tipo “c’è una probabilità su 10.000 che in una centrale nucleare si verifichi un incidente serio”) quando poi si va ad indagare si scopre che le centrali non siano mai state costruite con sistemi di sicurezza troppo efficaci.
Dal sito fisicamente traggo queste righe:

Le conclusioni di un rapporto sull’incidente di Three miles Island parlano di carenze addestrative, mancanza di chiarezza delle procedure, incapacità dei corpi istituzionali a far tesoro di esperienze precedenti, deficienze progettuali della sala controllo. Tali difetti sono da attribuirsi all’ente di gestione, alle ditte fornitrici di apparecchiature e alla commissione federale incaricata della normativa sull’energia nucleare. Siamo convinti pertanto che, indipendentemente dalla verifica dell’ipotesi «errore umano» per spiegare il caso specifico, un incidente quale quello di Three Mile Island fosse in ultima analisi inevitabile, date tutte le carenze sopra descritte. Continua a leggere

Fuldord: l'attacco degli illuminati con il Terremoto a Tokyo è stato deviato, l'Inghilterra e gli Stati Uniti prossimo obbiettivo

Fonte:raggioindaco.wordpress.com

Gli attacchi per mezzo di terremoti e tsunami in Giappone da parte della cabala criminale aziendale di Washington D.C. avevano lo scopo di intimidire la gente del mondo alla sottomissione. Invece, ha provocato un certo gruppo molto potente e al di fuori del controllo della White Dragon Society di “affondare Inghilterra, Italia e Stati Uniti in mare.” La White Dragon Society e i suoi alleati fanno appello alla calma e ad una soluzione negoziata prima che il pianeta Terra sia distrutto. Negoziati ad alto livello volti a realizzare esattamente questo sono attualmente in corso a Tokyo e Osaka.

L’attacco con terremoto è stato preceduto da alcune “coincidenze” numeriche molto interessanti. Prima di tutto, una somma di 888,88 dollari, è stata inviata l’8 marzo ad un individuo chiave di New York che avrebbe dovuto incassarlo l’8 marzo, invece l’ha incassato il 9 marzo. Poi il 10 marzo, un agente della cabala ha fatto suonare un campanello d’allarme ad un personaggio chiave della White Dragon Society che ha suonato alle 11:00 AM ora locale Giapponese l’11 marzo. Poi alle 12:34 esattamente due identiche e-mail sono state inviate da due individui l’uno all’altro fornendo cosi’ le coordinate geografiche delle Isole Ogasawara. Il sisma che ha colpito il Giappone l’11 marzo è stato inizialmente valutato di magnitudo di 8,8, ma è stata poi riconsiderato verso l’alto per 8,9. L’attacco via terremoto e tsunani era originariamente diretto a Tokyo, ma è stato deviato a nord-est delle Isole Ogasawara. Continua a leggere

Il terremoto in Giappone e le profezie sul 2012.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: