Tag Archive: mantra


Mantra – Kadoish, Kadoish, Kadoish, Adonai TSEBAYOTH

 

 

 

 

E ‘ un mantra che espande l’ amore, la luce e la pace.
Esso incarna le frequenze più alte che estendono la grazia sacra a lui che lo canta .
Esso stabilisce una risonanza con le energie dell’amore divino; in sua presenza, non possono essere mantenute le frequenze più basse.
Esso fornisce un’armonizzazione divina con i maestri di luce e stabilisce uno spazio sacro.
Il Kodoish , Kodoish , Kodoish Adonai Tsebayoth mantra unisce tutti i bioritmi del corpo ( personalità incarnata ) con i ritmi spirituali del corpo di Atma ( Pensiero ) , in modo che tutti i sistemi circolatori operano come un battito del cuore cosmico . ” .
Con la risonanza di saluto attivo di questo canto “le basse vibrazioni” non possono coesistere.
Questo canto è così forte che le ” basse vibrazioni ” non possono rimanere neanche per un minimo periodo di tempo in presenza di vostra vibrazione .
Il Kodoish , Kodoish , Kodoish Adonai Tsebayoth mantra crea distorsioni mentale – spirituale – temporali all’interno del nostro
corpo che ci permette di crescere da un piccolo microcosmo al livello successivo della Divinità .
Il Kodoish , Kodoish , Kodoish Adonai Tsebayoth mantra è la vibrazione chiave della trasformazione e la centrale di coordinamento di tutte le vibrazioni del veicolo con l’uomo spirituale .
Questo mantra può aiutare a trasmutare il vostro materiale genetico , e a questo punto abbiamo molti esseri che sono qui per aiutarti , basta cantarlo .
Pertanto , si comprende la necessità di una verbalizzazione definitivo e determinato a dedicare a questo mantra e sollevarla per risuonare in tutte le particelle che compongono l’aria e poi può trasmutare ciascuna di queste particelle , comprese quelle dei vostri corpi fisici .
Kadoish, Kadoish, Kadoish, Adonai ,Tsebayoth
1. Questo mantra pulisce tutti i campi energetici del corpo, così come i ponti che ci legano alle altre dimensioni.
2. questo mantra sta aprendo le sacre porte del nostro corpo.
3. è un ponte di 3D verso tutte le altre dimensioni.
4 immersione in questa canzone, noi siamo più un solo cuore.

Continua a leggere

Annunci

 Il contatto alieno e l’apertura della porta dimensionale

Fonte: altrogiornale.org

Il Giornale OnlineQuesto articolo è stato scritto cinque anni fa da Carlo Barbera, experiencer e grande esoterista, con il quale ho condiviso momenti fondamentali per la crescita della mia coscienza. Fu proprio con Carlo Barbera e Corrado Malanga che, una decade fa, demmo vita al progetto del Gruppo StarGate. Poi le nostre strade ci hanno condotto su percorsi diversi, eppure connessi.
Da anni Carlo vive nell’isola del vento, Pantelleria.

Maurizio Baiata

Il contatto alieno e l’apertura della porta dimensionale
di Carlo Barbera

Anch’io sono un “preso” dagli alieni. È un’esperienza che ha segnato in modo indelebile la mia coscienza e la mia vita. Non ho mai avvertito il senso di una minaccia in questo, l’intrusione violenta di entità ostili nel mio spettro di coscienza, né tanto meno i miei diritti di uomo violati, la mia volontà coercita, la mia anima depredata di una parte di sé. Ho avvertito un seme ancestrale, depositato nel profondo di me, che ha germinato nel tempo, nel silenzio degli anni, nelle mie scelte di vita, nelle mie idee, nel mio desiderio incondizionato di essere libero.

Questo mi è costato, molto, ma ho pagato di persona, assumendomi delle responsabilità che non potevo e non volevo delegare a nessuno, tanto meno a esseri di altri mondi.
 Lo so che come me ci sono uomini, donne e bambini in tutto il pianeta e so che per alcuni di essi è stata ed è un’esperienza dolorosa, traumatica, o del tutto inconsapevole. Ciò nonostante è come se sentissi un legame profondo, viscerale, che mi unisce a tutte queste creature, toccate da qualcosa di misterioso, di atavico, che così spesso non si riesce a comprendere, non avendone i mezzi e il giusto supporto o, spesso, fuorviati come siamo dalla disinformazione o dalle congetture di molti. Così vorrei fornire una chiave, per coloro che hanno vissuto un’esperienza analoga alla mia, che possa aprire per loro una porta verso la comprensione reale di ciò che hanno vissuto e delle possibilità che ne derivano. Continua a leggere

Il Kirtan e il Mantra

Fonte:www.krishnadas.it

        Hare Krishna   Hare Krishna  Krishna Krishna   Hare  Hare

              Hare Rama  Hare Rama  Rama Rama   Hare Hare

Il Kirtan, è una pratica spirituale e fa parte di un sistema di Yoga chiamato Mantra Yoga. Letteralmente Kirtan significa « la ripetizione continua di un Mantra ». Questo sistema di Yoga viene citato nei Tantra Shastras, una scrittura antica Indiana, ed è un sentiero lungo il quale l’aspirante spirituale utilizza le vibrazioni sonore per poter espandere ed infine liberare la propria coscienza spirituale latente. Nomi diversi, per esempio Samadhi, Nirvana, Coscienza di Cristo oppure unione, sono stati dati per definire questo risveglio spirituale e indubbiamente la pratica e la ripetizione di un Mantra è un metodo veloce, sicuro e potente che si adatta a tutti gli aspiranti spirituali nella loro ricerca di realizzarsi.

La scienza del Mantra Yoga non è limitata esclusivamente alla cultura Indiana poiché si trova in tutte le culture spirituali del mondo. Infatti l’incontrarsi della gente e il cantare canti sacri ha sempre fatto parte della pratica spirituale in tutte le culture antiche. Ma man mano che passava il tempo fu dimenticata l’essenza spirituale di queste pratiche che invece vennero collegate col voodoo o la magia oppure vennero considerate inutili poiché la gente aveva perso o dimenticato il loro importante valore spirituale. Invece, in India i santi e i saggi, gli Yogi e i Sannyas avevano conservato questa grande scienza e avevano documentato tutto nei Tantra Shastra. I mantra sono stati tramandati in sanscrito, lingua considerata pura; è stato detto che è la lingua base dalla quale si sono sviluppate la maggior parte delle nostre lingue odierne.

La lingua sanscrita consiste in una serie di lettere chiamate Akshara, che letteralmente significano « gli indistruttibili »; la combinazione di queste lettere individuali oppure le loro vibrazioni sonore formano ciò che sono conosciuti come Mantra.

Ad ogni Akshara è associata una frequenza particolare o vibrazione che agisce sull’individuo a diversi livelli di coscienza. Per cui le combinazioni di queste Akshara nei vari Mantra aiutano a svegliare un certo tipo di consapevolezza nell’individuo, a seconda della struttura dello stesso. Continua a leggere

Mantra e la Mente

Fonte:www.krishnadas.it

 

Nella filosofia Tantrica il Mantra è una forza che può essere usata per il risveglio della nostra coscienza spirituale.

 

La base del Mantra è il suono che varia da grossolano a sottile. Nel cosmo ci sono onde sonore lente, medie e veloci.

 

Le onde medie sono percettibili per noi, ma non le lente e le veloci. Quando il suono del Mantra è pronunciato, esso ha una portata media di frequenza che è conosciuta come suono percettibile o grossolano. Ma quando il Mantra è intonato silenziosamente ha una frequenza più veloce e diviene impercettibile o suono sottile. Perciò il Mantra lavora sia sul piano grossolano che anche su piani più alti. Quando producete un suono ed accelerate la frequenza, esso colpisce il piano interiore della coscienza. Così come raccogliete un sassolino e lo buttate in un lago calmo e tranquillo l’impatto crea delle onde e le onde creano dei cerchi che si espandono sempre secondo la forza ed il peso del sasso. Allo stesso modo quando ripetete il Mantra, il suono colpisce l’omogeneità della coscienza e crea delle onde che aiutano ad espandere la mente.

 

 

 

La mente ha due livelli: individuale e universale. Infatti, nell’universo esiste solo una mente, ma questa mente si individualizza secondo ciascun circuito separato. Per esempio: le nostre menti sono differenti circuiti di una mente.

 

Così la verità è che la mente individuale è parte della omogenea mente universale. Perciò la mente individuale può essere sempre connessa alla mente universale se sappiamo come fare. Dobbiamo ricordare questo come una legge, perché è di grande importanza nella vita spirituale. Quando noi cominciamo a praticare il Mantra noi creiamo delle vibrazioni nella mente esterna. Quando la mente diviene calma, tranquilla e concentrata, queste vibrazioni sono trasferite nell’aria della mente universale. Allora le barriere fra la mente individuale e la mente universale è spezzata. A causa di queste barriere le nostre menti sono tagliate fuori l’una dall’altra: voi non sapete cosa penso io ed io non so cosa pensate voi. Ma quando questa barriera è spezzata, la vostra mente e la mia diventano una sola mente. La mente è la madre universale e la natura è quella delle tre “Gunas”: Sattwas, Rajas e Tamas. Secondo la manifestazione della realtà, la mente è conosciuta come “Buddhi”(intelletto discriminativi) “Chitta” (contenuti della mente) e “Ahamkara” (ego). Continua a leggere

l Gayatri Mantra

OM 

Bhur Bhuva Svaha

Tat Savitur Varenyam

Bhargo Devasya Dheemahi

Dhiyo yonah Prachodayat

Ascolta il Gayatri Mantra 

Il Gayatri é una preghiera rivolta all’ Intelligenza Universale. Il suo scopo é quello di accendere il potere del discernimento per permettere all’uomo di analizzarsi e di rendersi conto della sua natura divina. É conservata come reliquia nei “Veda”, le più antiche scritture dell’uomo. “Veda” significa infatti conoscenza, e la Preghiera alimenta ed aguzza la capacità di accrescimento della conoscenza. In realtà le quattro “Mahavakyas”, o concetti base racchiusi nei “Quattro Veda”, sono impliciti in questo Gayatri Mantra.Agisce come un talismano protettore per coloro che la pronunciano con continuità. Sai Baba ha affermato che questa preghiera é adatta a qualsiasi credo, perché essa dal Glorioso Potere che pervade il Sole ed i Tre Mondi (Fisico-Eterico-Causale) invoca la crescita, il risveglio ed il rinvigorimento dell’ Intelligenza.Il Gayatri Mantra é sinonimo del Divino, é lo stesso suono di Dio, esso permea tutto il Cosmo manifesto. É la Base, la Realtà che trascende l’Universo soggetto a conoscenza e a sperimentazione.Il termine “Gayatri” proviene da GAYAntam TRIyate iti, che significa: “Ciò che preserva, protegge o salva dalla corruttibilità, colui che lo recita”. GAYA vuol dire Essere e insegna la Verità, il principio della vita.Occorre infatti accostarsi a questo mantra con dovuta umiltà , reverenza,fede ed amore.La Gayatri ha anche tre nomi: Gayatri, Savitri e Saraswati. Gayatri rappresenta i sensi, Savitri é l’energia vitale o prana, ed é il simbolo della verità. Saraswati é la dea del linguaggio e dell’insegnamento, il simbolo della chiarezza intellettuale.Questi tre aspetti sono presenti in ciascun uomo e simboleggiano la purezza di pensieri, parole ed azioni, che ogni aspirante deve raggiungere sul sentiero della realizzazione spirituale. Come si può raggiungere la visione di queste tre divinità nella preghiera? Sai Baba ha spiegato più volte che il Gayatri Mantra si divide in tre parti: descrizione, meditazione e preghiera.  Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: