Tag Archive: Kenneth Ring


“PROJECT OMEGA” DI KENNETH RING

Fonte:www.ufoforum.it

 

Che gli Incontri Ravvicinati del 3° e del 4° Tipo abbiano analogie con esperienze di tipo sciamanico o più precisamente con Stati Alterati di Coscienza, non è cosa nuova, e molti ufologi lo avevano già constatato in anni passati. Le ragioni di queste analogie al momento non sono date sapere (vale a dire siamo di fronte a fenomeni simili?). Nelle esperienze di pre-morte, il testimone si descrive come uno spettatore distaccato, in alto e al di sopra del proprio corpo fisico. Poi si nota eventualmente la sensazione di progressione all’interno di un tunnel, o nell’ oscurità, o nel vuoto, in direzione di una luce radiosa. Mano a mano che il soggetto avanza verso la luce, egli ha l’impressione di immergersi in un amore assoluto e incondizionato. Questo stando almeno a molte testimonianze di malati usciti da questo stato di pre-morte.
A questo stadio può intervenire la percezione di una Presenza che gli offrirà la possibilità di proseguire o di reitegrare il proprio corpo fisico, oppure gli comandi direttamente di ripartire. Le Presenze altre volte sono i genitori defunti, che comunicano al testimone che la sua ora non è ancora giunta, o che gli manifestano il loro desiderio di averlo tra loro. Può capitare che il soggetto sia gratificato dalle immagini di un “film” accelerato della sua vita. Quando l’esperienza arriva a termine, e il soggetto reintegra il mondo fisico, prova o un sentimento di esaltazione per aver vissuto una tale esperienza o un sentimento di depressione e di rammarico per aver abbandonato quel posto ” lassù”. Continua a leggere

Le più famose esperienze NDE e l’immersione plasmatica

 

L’opportunità spirituale per l’umanità di cui parla Dannion Brinkley (noto per la sua incredibile esperienza pre-morte) potrebbe essere il periodo attorno al 2012, quando qualcosa indurrà un’esperienza di massa della kundalini. Ma che cosa? Un effetto energetico del processo di allineamento galattico?

Il biochimico russo Simon Sholl ha scoperto che la biochimica (e la neurochimica) umana è influenzata dall’orientamento della Terra rispetto alle stelle e dai cicli di attività solare, che nel 2012 raggiungerà il massimo dell’intensità. Un altro studio scientifico di James Spotiswoode rivela che l’attività psichica umana aumenta in modo esponenziale con l’approssimarsi del sorgere all’orizzonte del centro galattico.

Tra tutte le teorie che sono state avanzate sul 2012, tra cui comete, asteroidi, esplosioni nel centro galattico, megatempeste solari, variazioni dell’obliquità, congiunzioni particolari e i cicli di Milankovitch, ce n’è una scientificamente valida e in armonia con lo scenario dipinto da Dannion Brinkely. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: