Cambiamento climatico interplanetario

Fonte: www.astronavepegasus.it

Caricato da  

SOLE: l’attività solare è la più bizzarra mai osservata dal 1940.

MERCURIO: sono stati scoperti dei ghiacciai, i quali erano totalmente inattesi, sorprendetemene assieme a un forte campo magnetico intrinseco… alquanto bizzarro per quello che si credeva un “pianeta morto”.

VENERE: un aumento del 2500% delle luminescenze delle aurore, e un sostanziale cambiamento atmosferico globale in meno di trent’anni. Venere è in “global warming”.

http://www.suite101.com/content/global-warming-venus-and-sunspots-a16443

TERRA: sostanziale quanto ovvio cambiamento climatico e geofisico.

MARTE: “global warming” persino su Marte con gigantesche tempeste e sparizione totale nel 2001 delle sue calotte polari.
http://news.nationalgeographic.com/news/2007/02/070228-mars-warming.html

GIOVE: riscaldamento interno ai suoi massimi, oltre il 200% di aumento della sua luminosità dovuto a delle nuvole di plasma che lo circondano. Giove è in “global warming”.
http://www.space.com/scienceastronomy/060504_red_jr.html

SATURNO: moggior diminuzione nella sua velocità rotazionale in meno di vent’anni, accompagnato da sorprendenti ondate di raggi-X dall’equatore. Saturno è in “global warming”.

URANO: cambiamenti impressionanti in luminosità; considerevole aumento dell’attività globale delle nuvole. Urano è in “global warming”.

NETTUNO: aumento del 40% della sua luminosità atmosferica. Nettuno è in “global warming” e la sua luna, Tritone, anche.
http://web.mit.edu/newsoffice/1998/triton.html

PLUTONE: aumento della pressione atmosferica del 300%, perciò anche Plutone è in “global warming” anche se si sta pian piano allontanando dal Sole.
http://web.mit.edu/newsoffice/2002/pluto.html

Ma c’é un lato ancora più sinistro in questa propaganda impazzita. Gli scienziati che hanno dissentito sull’eccessivo allarmismo prodotto sul Global Warming, hanno visto scomparire le loro sovvenzioni, il loro lavoro è stato deriso e sono stati diffamati alla stregua di burattini delle industrie. Conseguentemente, le bugie sui cambiamenti climatici guadagnano terreno.
Professore al MIT (Massachusetts Institute of Technology)