Quando parliamo di scie chimiche si intende porre l’attenzione sullo strano fenomeno delle emissioni rilasciate da non ben identificati aerei sulle nostre teste, sulle nostre città e campagne che non sono e non devono essere associate al normale traffico aereo o a quelle che vengono chiamate “scie di condensa” provocate dal passaggio degli aereomobili in particolari condizioni atmosferiche e ancor meno a quelle emissioni che sono “mentalmente associabili” ad un motore che brucia carburante.

Per scie chimiche intendiamo quelle formazioni che rimangono persistenti nel cielo per ore, presumibilmente composte da alluminio, bario, silice e altri materiali che possono essere compromettenti per la salute umana e per l’ambiente con la quale entrano in contatto e che oscurano il sole e il cielo cambiando letteralmente i connotati metereologici delle giornate particolarmente colpite da questa piaga ecologica ed umanitaria.

Per ulteriori informazioni rimandiamo alla rete la lettura dei dettagli relative a questo discutissimo fenomeno che per anni è sembrato confinato alla ‘cerchia dei complottisti’ ma che ultimamente ha trovato eco nella comunicazione di massa.

Questa annosa diatriba, come molte altre, sta finalmente trovando il giusto riscontro nei media, soprattutto grazie a quelle persone che da anni dedicano la propria attenzione all’argomento cercando di denunciarlo a gran voce e cercando di informare le persone che ne sono all’oscuro. Tra tutte consiglio la visione delle video interviste di Tom Bosco, Corrado Penna e Rosario Marcianò e dei loro relativi siti.

A queste persone se ne stanno aggiungendo altre sempre in maggior numero a supportare la causa e a chiedere che venga fatta chiarezza sull’argomento. In fondo a questo piccolo scritto troverete qualche link e riferimento.

Oltre le già numerose interrogazioni parlamentari [1] che ci sono state in Italia e al parlamento europeo , l’argomento è recentemente “atterrato” sulla rivista OGGI [2] con un articolo datato 14 giugno 2010 intitolato “Scie chimiche: qualcuno fa strani esperimenti nei cieli?”. L’articolo è stato riportato sia nella versione cartacea della rivista così come nel web e la cosa in qualche maniera ci rallegra perché questa non è di certo lo stereotipo della rivista complottista, ma bensì la classica rivista che può essere trovata dal tuo coiffeur di fiducia e diffusa ad un vasto bacino di utenze. Per altro l’argomento è stato trattato in maniera abbastanza esaustiva.

Altra recente notizia, riportata dal quotidiano “La Nuova Sardegna” [3] e dal TG regionale [4], è la richiesta del segretario regionale dell’Adiconsum Giorgio Vargiu, che scrive una lettera a Napolitano [5] chiedendo espressamente che venga fatta un’indagine chiarificatrice sul “fenomeno scie chimiche”.

L’accorata lettera del segretario Vargiu comincia cosi:

“[…]faccio mia la preoccupazione di tanti cittadini in merito alle così dette “Scie chimiche”, scie di condensa atipiche che si formano a quote e condizioni di temperatura e umidità incompatibili con la formazione di normali scie di condensa.

Secondo numerose testimonianze e video reperibili in rete, queste scie sono rilasciate da aerei “anonimi” (senza alcuno stemma o sigla che li identifichi) tramite boccagli posti sulle ali.

Molti studi condotti in tutto il mondo affermano che le scie contengono sostanze tossiche molto dannose per l’ecosistema e la salute umana; ho letto che le analisi dell’aria rivelano un aumento improvviso di sostanze chimiche tra cui bario, piombo, quarzo, silicio e alluminio, e in alcuni casi sostanze biologiche, come globuli rossi essiccati (sangue secco), muffe, tossine e altro.[…]”

La lettera prosegue facendo riferimento alle numerose informazioni che sono disponibili in rete e con delle specifiche domande formulate con l’intento di ricevere delle riposte chiarificatrici sull’argomento. Oggigiorno iniziative di questo genere sono da ritenersi importanti ed apprezzabili nel loro intento di ricevere delle risposte da chi dice di tutelarci. E’ proprio di questi giorni uno spot televisivo a cura del ministero della difesa che recita il mantra della sicurezza dicendo che non c’è niente di più importante per il cittadino che la propria sicurezza… Bhe, diciamo che essere avvelenati da sostanze deliberatamente sparse in atmosfera non rientra nel nostro concetto di ‘sicurezza’.

Abbiamo anche visto nascere comitati spontanei di cittadini preoccupati che avviando inchieste – con tanto di analisi chimica[6] di residui di neve in seguito al passaggio di aerei sospetti – sono riusciti a coinvolgere media regionali. E’ questo il caso di un gruppo di cittadini molisani [7] che sono riusciti a coinvolgere l’interesse di un Tg (regionale) e di un quotidiano molisano e internet è nuovamente testimone e contenitore di tutte queste informazioni. Recentemente anche la trasmissione Mistero (Italia 1) ha dedicato un paio di puntate dove si parla di scie chimiche contribuendo alla diffusione di un certo tipo di informazioni (*).

Questo genere di informazioni in realtà non è del tutto nuovo né alla stampa e né alla televisione, emblematico in tal senso è il TG di RAI 1 risalente al maggio del 2007 [8] dove il giornalista manda in onda un servizio relativo ad una parata russa dove sono stati utilizzati aerei militari per alterare le condizioni climatiche e permettere lo svolgimento della stessa senza che i capi di stato debbano preoccuparsi delle intemperie.

Abbiamo anche le testimonianze di due metereologi che nel bel mezzo della loro performance televisiva hanno avuto il coraggio di denunciare pubblicamente quanto di loro conoscenza. Parliamo del meteorologo Kevin Lollis della KTVL-News [9] e del tedesco Gunther Tiersch durante le previsioni meteo mandate in onda in una TV tedesca (ZDF) [10].

Ovviamente questo genere di notizie e di preoccupazioni, dalle interrogazioni parlamentari ai giornali e telegiornali, non riguarda solamente l’Italia e i suoi cittadini ma coinvolge anche paesi stranieri, sembra infatti che questo fenomeno sia legato alla presenza della NATO sul territorio.

E per rimanere nell’ambito militare, come ultimo riferimento informativo, anche se non meno importante, vi invito all’ascolto della radio intervista al Generale Fabio Mini [11] in marito alle Guerre Ambientali Climatiche, con il sospetto che questa terminologia verrà tristemente conosciuta da un sempre più vasto numero di persone ma con la speranza che altri si uniscano a quelle voci che chiedono ogni giorno con più forza di dare delle risposte alle domande sulle SCIE CHIMICHE. Internet è pieno di informazioni in merito, a voi l’onere di interessarvene per la salute nostra, del pianeta e delle generazioni che verranno.

Ivan Ingrillì

REFERENZE:

Interrogazione al Governo italiano del 2 aprile 2003 (deputato Italo Sandi)

Interrogazione al Governo italiano del 27 ottobre 2003 (deputato Piero Ruzzante)

Interrogazione al Governo italiano del 3 febbraio 2005 (deputato Severino Galante)

Interrogazione al Governo italiano del 13 giugno 2006 (deputato Gianni Nieddu)

Interrogazione al Parlamento Europeo del 10 maggio 2007 (deputato Erik Meijer)

Interrogazione al Governo italiano del 8 agosto 2007 (senatore Amedeo Ciccanti)

Interrogazione al Governo italiano del 20 dicembre 2007 (deputata Katia Bellillo)

Interrogazione al Governo italiano del 05 giugno 2008 (deputato Sandro Brandolini)

Interrogazione al Governo italiano del 16 giugno 2008 (deputato Amedeo Ciccanti)

Interrogazione al Governo italiano 4-01044 del 17 settembre 2008 (deputato Antonio Di Pietro)

Interrogazione al Governo italiano 4-01193 del 1 ottobre 2008 (deputato Sandro Brandolini)

Interrogazione al Governo italiano 4-01193 del 28 gennaio 2009 (deputato Sandro Brandolini)

Interrogazione al Governo italiano 4-02216 del 5 novembre 2009 (senatore Oskar Peterlini)

Scie chimiche: qualcuno fa strani esperimenti nei cieli? http://tinyurl.com/oggi-scie

Scie chimiche: Vargiu scrive a Napolitano: http://tinyurl.com/scie-vargiu

TG di Videolina del 14/06/2010, al minuto 4.40: http://tinyurl.com/scie-tg

Scie chimiche: Il segretario regionale dell’Adiconsum, Giorgio Vargiu scrive a Napolitano: http://tinyurl.com/scie-vargiu1

Screenshot analisi chimiche Inchiesta molise: http://tinyurl.com/scie-analisi

Inchiesta sulle scie chimiche in Molise (Analisi Chimiche, TG Molise, Stampa) http://tinyurl.com/scie-molise

Scie chimiche al TG1: http://tinyurl.com/scie-tg1

Scie chimiche nelle previsioni meteo su KTVL TV: http://tinyurl.com/scie-ktvl

Scie chimiche nelle previsioni meteo Tv tedesca della ZDF: http://tinyurl.com/scie-zdf

Un’intervista al Generale Fabio Mini sulla guerra climatica in corso: http://tinyurl.com/fabio-minihttp://tinyurl.com/fabio-mini2

ALTRE REFERENZE (*)

Interrogazione al Parlamento Europeo del 10/05/07 (deputato Erik Meijer) http://tinyurl.com/scie-pe2007

Mistero Haarp scie chimiche – 2009: http://tinyurl.com/yt-haarp

Mistero Scie Chimiche chi controlla l’atmosfera – 2010 (diviso in due parti) http://tinyurl.com/yt-mistero

Giulietto Chiesa: Chemtrail Progetto HAARP: http://tinyurl.com/yt-chiesa

Di Pietro contro Signoraggio e Scie chimiche: http://tinyurl.com/yt-dipietro

Piero Pelù: “Fazio, quando parli di scie chimiche?”: http://tinyurl.com/yt-ppelu

Fabio Volo intervista Rosario Marcianò sulle scie chimiche a Radio Deejay http://tinyurl.com/yt-fvolo

Polimeri di ricaduta: intervista al biologo G. Pattera: http://tinyurl.com/yt-polimeri

Intervista a Tom Bosco sulle scie chimiche: http://tinyurl.com/yt-tombosco

Il sito di Rosario Marcianò: http://www.tanker-enemy.com/

Il dossier di Corrado Penna: http://tinyurl.com/dossier-penna

Scie chimiche: servizio RTL TV (tradotto in italiano): http://tinyurl.com/scie-rtl

SCIE CHIMICHE Alza la testa 1/2 http://tinyurl.com/scie-alt

SCIE CHIMICHE Alza la testa 2/2 http://tinyurl.com/scie-alt2

Fonte:http://www.laleva.org

Advertisements