CASO ZANFRETTA: GLI UFO RITORNANO A TORRIGLIA

Torriglia/Uscio – Ricordate il caso di Piero Zanfretta? Era il metronotte di Genova che alla fine degli anni 70, e fino al 1981, dichiarò (e ancora lo conferma) di aver vissuto undici undici episodi di incontro ravvicinato del terzo e quarto tipo con esseri alieni. Molti testimoni dell’epoca, tra cui diversi colleghi di Zanfretta, nonché numerosi residenti del Comune di Torriglia, teatro di alcuni degli eventi, dichiararono di aver assistito ad avvistamenti di «oggetti volanti molto grossi e luminosi» correlati a presunti rapimenti ad opera degli alieni.

 

 

Zanfretta lo andava ripetendo da oltre un anno: “Torneranno – diceva – vedrete che tra poco si faranno rivedere. Ne sono sicuro”. Ebbene, nella cittadina sulle alture genovesi che ha fatto da teatro alle misteriose avventure notturne dell’ex metronotte gli Ufo hanno fatto la loro ricomparsa, nella notte tra il 23 eil 24 novembre scorso: strane e sfavillanti luci sono apparse nel cielo di Torriglia. Stazionavano, si muovevano a zig zag, volavano velocissime e silenziosissime, sotto gli occhi attoniti degli abitanti. Le hanno viste in molti, ma nessuno pare voglia parlarne. E si citano anche noti personaggi della zona. Personaggi, però, che non intendono finire nel tritacarne della cronaca, additati come “quelli che vedono gli Ufo”. Omertà assoluta. La storia di Zanfretta docet (che risulta a tutt’oggi non verificabile).

I misteriosi oggetti volanti sono stati segnalati anche nel vicino Comune di Uscio, a pochi chilomentri da Torriglia. Un testimone, Andrea Dadone, è riuscito nell’impresa di fotografarne uno proprio nella località citata, dove abita, dichiarando: “L’oggetto dalle luci sfavillanti è rimasto a mezz’aria per un quarto d’ora, fermo. Aveva più luci di una stella, due azzurre ai lati ed una rossa al centro. Era statico e pulsante con colori che variavano dall’azzurro al rosso, all’arancione”.

L’apparizione è durata circa dieci minuti, dopodiché l’UFO, così come era apparso, è scomparso velocemente alla vista dei testimoni. Tra questi c’era anche il padre di Dadone, che per diversi anni ha lavorato nell’aeroporto “Cristoforo Colombo” di Genova. In un primo tempo, l’uomo ha cercato di giustificare il tutto citando il volo di “aerei”.

Ma, dopo aver assistito personalmente alla strane acrobazie dell’oggetto che volteggiava sopra casa sua, ha dovuto ammettere che “quella luce non apparteneva ad alcun aereo, ma a qualcos’altro”. E, su questo, padre e figlio non hanno dubbi. Come spesso succede, la notizia è stata regolarmente snobbata dai quotidiani liguri. L’unico giornale a riportarla è stato il settimanale “Il Nuovo Levante”.

Dadone ha consegnato agli esperti, il giorno successivo all’avvistamento, il materiale fotografico, «seppur non di eccellente qualità – ammette – poichè non sono un fotografo professionista».

L’nteresse degli ufologi è confermato: sia il Centro Ufologico di Genova quanto quello di Benevento studiano gli avvistamenti degli oggetti volanti che hanno solcato il cielo del Levante.

Considerata la data degli avvistamenti, siamo certi che la profezia del 24 novembre 2010 vada completamente bollata come bufala?

 

Pasquale Gallano

Fonti: Newnotizie.it – Il Nuovo Levante – Mistero bUfo

Segnidalcielo.it

 

Annunci