Abbiamo da poco parlato di un uomo che è stato addotto dagli alieni, il suo nome è Federico Bellini, che ha rilasciato a noi di Misteroonline un’intervista in cui raccontava la sua esperienza paranormale; ma vi sono talune persone (forse più di talune) che al sol sentir parlare di abduction torcono il naso diffidenti, convinti che tutti gli individui che rievocano tali esperienze siano solo folli oppure megalomani in cerca di fama.

In questa direzione ci viene incontro il Dottor Corrado Malanga, esperto ufologo a livello mondiale, che per primo introduce l’analisi della grafologia nello studio degli individui addotti.

L’analisi della grafologia di una persona permette di verificarne, con alto grado di attendibilità, la quasi totalità degli aspetti del carattere e del rapporto tra l’interno e l’esterno del proprio essere.

Quando un individuo vuole compire una azione, si mette in moto una parte del nostro cervello che si chiama inconscio che appunto fornisce ai nervi l’istinto del movimento, vi è però un’altra parte del nostro cervello chiamata subconscio che “corregge” i gesti istintivi dettati dall’inconscio, ma pare, attraverso diversi studi, che il livello di importanza dell’azione del subconscio sia piuttosto bassa.

Schematicamente:

Inconscio  —–(domina)—–> Subconscio

Questa minore importanza del subconscio nei confronti dell’inconscio è dettata dalla velocità con cui queste parti di cervello agiscono, l’inconscio infatti utilizzando il linguaggio archetipo (che possiamo paragonare al linguaggio macchina dei calcolatori elettronici) riesce a far eseguire i movimenti più velocemente dell’inconscio, che arrivando quindi in “ritardo” risulta meno importante dal punto di vista del risultato finale.

E’ ormai appurato che l’intervento del subconscio è tanto meno presente quanto più il gesto da compiere è istintivo, infatti, dopo accurate prove, si è giunti alla conclusione che la scrittura risulta un gesto molto più istintivo di quello che crediamo, quindi l’interferenza del subconscio è quasi nulla, perciò risulta un ambito molto propizio per l’analisi dell’inconscio.

Il Professor Malanga nel corso dei suoi studi sulla grafologia degli addotti ha notato una serie di aspetti comuni nel modo di scrivere di molti di loro; inizialmente si pensava ad una specie di turbe psichica che si manifesta nell’atto della scrittura, però erano assenti tutti gli altri aspetti collegabili ad un eventuale turbe psichica oltretutto i pazienti dopo un attento esame comportamentale risultavano essere del tutto normali.

Si poteva quindi cominciare a capire che quel particolare modo di scrittura era tipico dell’addotto e non sintomo di malfunzionamenti cerebrali.

Vi sono numerose “fantasiose” interpretazioni della grafologia moderna, invece vi sono solo alcune regole fondamentali per l’analisi della scrittura queste leggi derivano dalla teoria della croce degli spazi di Pulver, questa teoria (ripresa poi dalla modernissima PNL-Programmazione Neuro Linguistica) indica che vi è molta importanza del punto in cui l’analizzato si trattiene nell’atto di scrivere, infatti se si trattiene nella parte alta si può identificare una persona tendente a pensare mentre chi si trattiene nella parte bassa della scrittura è una persona tendente al fare.

Si può fare un semplice esempietto pratico per far intendere cosa si intende per movimenti dettati dall’inconscio, e vedrete che rispecchieranno quanto detto prima, i bulbi oculari si muovono verso l’alto se si legge una affermazione bella e lieta, invece si muovono verso il basso se si legge una affermazione brutta e triste, tutto ciò senza che noi ce ne accorgiamo, ma mentre leggete le prossime due frasi fate attenzione a come si muoveranno i vostri bulbi oculari:

“Ah, che meraviglia quel giorno in montagna”

oppure

“Anche questa volta ho sbagliato ad agire così”

avrete quindi notato che quello detto fin ora non sono fandonie ma pura e vera scienza della psico-grafia umana.

Dopo l’analisi del “sopra e sotto” appena spiegata vi è poi l’analisi dell’”avanti e indietro” ovvero del passato e del futuro, infatti se ci pensate noi uomini tendiamo inconsciamente a porre un evento passato a sinistra di uno presente e un evento futuro a destra di uno presente, questi sono i comportamenti dettati dal linguaggio archetipale del nostro cervello, pertanto quanto detto fin ora rappresenta il solo vero metodo di analisi grafologica moderna.

Dopo questa, per alcuni, noiosa ma doverosa introduzione, passiamo a parlare effettivamente degli effetti che l’abduction porta alla scrittura degli esseri umani.

La prima cosa che è giusto chiarire è che gli addotti scrivevano tutti in modo diverso gli uni dagli altri ed a livello di inconscio tentavano di manifestare il loro vero IO; quasi tutte queste persone sono persone che amano la materialità (amano i soldi e le cose materiali), non sono particolarmente credenti in un Dio superiore alla nostra razza e che hanno una personalità piuttosto forte.

Durante la prova di scrittura tutti mostravano una forte pressione sul foglio, questo sta’ a significare l’incapacità di mentire, inoltre si trattava di persone che credevano che mancava qualcos’altro nei tradizionali valori che venivano insegnati da piccoli.

I) Gli occhielli delle “o” aperti a sinistra:

abduction, addozioni, addotti, addotto, alieni, alien, ufo, ufos, scrittura, scrivere, grafologia, pnl, malanga, corrado, extraterrestre, extraterrestri, scienza, prove, test, analisi, laboratorio, misteroonline, misteronline, mistero, voyager, wiki, wikipedia

E’ simbolo tipico di chi possiede senso della religiosità e del misticismo, ma anche tendenza all’esoterismo, senso dell’apertura verso le cose dimenticate. Questi soggetti presentavano una grande ostilità nei confronti della chiesa cattolica anche se con aperture verso la cristianità. Questo genere di persone risultavano più propense ad accettare una filosofia di vita come il buddhismo piuttosto che una rigorosa religione come il cattolicesimo.

II) Scrittura staccata:

abduction, addozioni, addotti, addotto, alieni, alien, ufo, ufos, scrittura, scrivere, grafologia, pnl, malanga, corrado, extraterrestre, extraterrestri, scienza, prove, test, analisi, laboratorio, misteroonline, misteronline, mistero, voyager, wiki, wikipedia

In generale le lettere che formano una parola son tutte attaccate tra loro, alcuni soggetti invece nello scrivere staccano ogni singola lettera dalla precedente e dalla successiva, questo indica un particolare stato psicologico dello scrivente.

In questo tipo di soggetti la parte centrale della grafia rappresenta il proprio “IO”, questi soggetti hanno difficoltà a capire chi sono in realtà, infatti lo stacco che c’è tra una lettera  e l’altra è un periodo di “riflessione” della propria mente che cerca di capire chi è in realtà.

Bisogna ricordare che se un paziente riscontrasse questo problema assieme ad altri problemi si potrebbe parlare di sintomi tipici della schizzofrenia, ma è da notare che gli addotti non hanno nessun altro sintomo grafologico fuori dal normale.

La spiegazione è che questa tipologia di addotti ha nella propria testa una memoria aliena che appunto rende difficoltoso da parte del nostro cervello riuscire a capire chi veramente si è.

Gli addotti alle domande:
Avete mai pensato di non esser figli dei vostri genitori?

Avete mai pensato di provenire da un altro pianeta?

Avete ricordi di vite passate?

Rispondono SEMPRE affermativamente.

III) Gli allunghi inferiori sovrapposti agli allunghi superiori del rigo sottostante:

abduction, addozioni, addotti, addotto, alieni, alien, ufo, ufos, scrittura, scrivere, grafologia, pnl, malanga, corrado, extraterrestre, extraterrestri, scienza, prove, test, analisi, laboratorio, misteroonline, misteronline, mistero, voyager, wiki, wikipedia
Questo tipo di scrittura evidenzia nell’individuo un grave disagio dovuto alla confusione di aver pensato o aver fatto qualcosa. Infatti sembra che questi addotti non riescano a capire se ciò che hanno visto e provato durante l’abduction sia solo un sogno o sia realtà.

IV) La scrittura speculare:

abduction, addozioni, addotti, addotto, alieni, alien, ufo, ufos, scrittura, scrivere, grafologia, pnl, malanga, corrado, extraterrestre, extraterrestri, scienza, prove, test, analisi, laboratorio, misteroonline, misteronline, mistero, voyager, wiki, wikipedia

La grandissima maggioranza degli addotti è capace di scrivere in maniera speculare, ovvero da destra verso sinistra ma con le lettere girate al contrario, in modo tale che per leggerle dritte bisogna guardarle allo specchio.
Questa caratteristica non è derivata da malfunzionamenti dovuti ad inversioni tra lobi sinistri e destri del cervello, perchè tutti gli addotti superano agevolmente il test di Stroop (test che serve appunto per evidenziare disfunzioni cerebrali di questo calibro).

Vi abbiamo mostrato questo “catalogo” di caratteristiche che possiedono le grafie degli addotti, e solo degli addotti, in quanto se queste sintomatologie venissero associate ad altre, si potrebbe parlare di disturbi specifici (noti alla nostra medicina) mentre se questi disturbi accadono isolati per la nostra scienza risulta un paradosso, perchè sono sintomi che dovrebbero derivare da altri disturbi che invece non sono presenti!

Su questa distinzione il grande Ufologo Corrado Malanga ha dedicato molto tempo, proprio per poter fornire ai grafologi di tutto il mondo uno strumento esatto per diagnosticare i vari casi di abduction e soprattutto per smascherare gli impostori.

Speriamo di avere presto nuovi aggiornamenti di queste “neo-scienza” che potrebbe davvero aiutarci nell’affermare con certezza l’esistenza della vita al di fuori del nostro pianeta…

Chiaramente poniamo i nostri più sentiti ringraziamenti al professor Malanga per gli spunti che abbiamo tratto dai suoi scritti per redigere questo articolo.

Preso :  http://misteroonline.altervista.org

Annunci